mercoledì 25 marzo 2020

Consegna della spesa a domicilio: per evitare ogni forma di contagio che sia da pensare a moneta elettronica e puliza dei pacchi?

NESSUN ALLARMISMO, è UNA RIFLESSIONE E POTREMMO SBAGLIARCI. 

La consegna di spedizioni o della spesa a domicilio alle persone anziane o comunque impossibilitate a muoversi durante l'emergenza Coronavirus è un'attività nobile e noi tutti siamo riconoscenti a chi è là fuori a mandare avanti il Paese. Tuttavia, un pensiero gira nei bar virtuali di Morsano da un paio di settimane. 

La ricerca sulla vita di questo virus, un corpo inanimato (non è un batterio) ricoperto di grasso, è ancora in corso ma i primi studi (Aerosol and surface stability of HCoV-19 (SARS-CoV-2) compared to SARS-CoV-1) stanno dimostrando che su alcune superfici la carica attiva (quella che infetta) del virus rimane in vita per ore ed in alcuni casi parrebbe per giorni.
Tuttavia, non sembra sia stato indirizzato al momento il discorso della spesa a domicilio e come azzerare o quasi il rischio contagio tra chi porta la spesa (che potrebbe essere un portatore asintomatico del virus) e chi riceve la spesa.

Esistono indicazioni di carattere divulgativo-giornalistico (vedi un articolo del Sole24Ore del 20 Marzo 2020 Coronavirus, spesa a domicilio? Cosa fare e non fare mai con le consegne) ma non vere e proprie norme comportamentali suggerite dalle autorità (per quanto ne sappiamo).

Nel dettaglio, non ci sono indicazioni:

- sullo scambio da mano a mano di monete e denaro in carta. Non sarebbe preferibile sarebbe il pagamento attraverso carta contactless senza toccare le superfici o paypal o bonifico elettronico?

- sui pacchi dei generi alimentari (generlamente cartone, plastica e polistirolo):
-- sarebbe opportuno che prima di mettere in frigo si togliessero i pacchetti inutili (es il cartone che raccoglie assieme 4 yogurt)?
-- sarebbe opportuno che l'anziano o chi per lui che riceve la spesa lo facesse con guanti monouso e che fosse istruito su come pulire i pacchi?
- sarebbe opportuno lasciare "decantare" per alcune ore i pacchi prima di maneggiarli?

Dall'evidenza scientifica che finora abbiamo, la trasmissione può avvenire tranquillamente dal toccare entro un certo numero di ore (!!!) un materiale infettato da uno starnuto o da un "droplet" di una persona già infetta (e in assenza di tamponi generalizzati a persone all'apparenza asintomatiche, non possiamo escludere a priori che nessuno sia un non-infetto). Basta portarsi poi la mano alla bocca o in faccia e il gioco è fatto.

Anche se la spesa te la consegnano stando a 3 metri di distanza, se "lasci i soldi del resto" sul muretto, monete e carta potrebbero comunque essere contaminati o i pacchi potrebbero esserlo. No?

Siccome (AL MOMENTO) stanti gli studi ancora in corso, non si possono escludere eventi di contagio indiretto attraverso l'errata manipolazione della spesa, che sia il caso di pensarci su e provvedere con A) forme obbligatorie di pagamento elettronico o equivalenti B) istruzioni molto precise su come pulire e maneggiare i pacchi che si ricevono? 

Vedete questo video e traete le relative conclusioni
Per chi desiderasse leggersi il paper qui il riferimento: N van Doremalen, et al. Aerosol and surface stability of HCoV-19 (SARS-CoV-2) compared to SARS-CoV-1. The New England Journal of Medicine. DOI: 10.1056/NEJMc2004973 (2020).
E qui un buon riassunto (in inglese) del paper tratto dal sito del ministero della salute Americano:


Tuesday, March 17, 2020

New coronavirus stable for hours on surfaces

SARS-CoV-2 stability similar to original SARS virus.
The virus that causes coronavirus disease 2019 (COVID-19) is stable for several hours to days in aerosols and on surfaces, according to a new study from National Institutes of Health, CDC, UCLA and Princeton University scientists in The New England Journal of Medicine. The scientists found that severe acute respiratory syndrome coronavirus 2 (SARS-CoV-2) was detectable in aerosols for up to three hours, up to four hours on copper, up to 24 hours on cardboard and up to two to three days on plastic and stainless steel. The results provide key information about the stability of SARS-CoV-2, which causes COVID-19 disease, and suggests that people may acquire the virus through the air and after touching contaminated objects. 

Il Prof. Burioni ne parlava il 9 febbraio (prima che lo studio di cui sopra fosse reso disponibile e sottolineava come la comune influenza in effetti si potesse trasmettere attraverso le superfici inanimate che poi contaminavano le mani e quindi le vie respiratorie se le mani non ofssero state lavate bene.
Vedi: Coronavirus: quanto resiste nell’ambiente? 9 Febbraio 2020 

nello specifico il testo dice che: "In un lavoro appena uscito, colleghi tedeschi fanno il punto ricapitolando quanto conosciuto: i coronavirus umani possono rimanere infettivi sulle superfici inanimate a temperatura ambiente fino a 9 giorni. Questo, però, badate bene, significa solo che c’è il virus, perché dati sulla trasmissibilità attraverso il contatto con una superficie contaminata non sono disponibili per il coronavirus".

Poi è arrivato lo studio del 17 marzo...

martedì 24 marzo 2020

Morsanesi e lavoro con il Coronavirus - 24 Marzo 2020



Questo grafico è basato su un piccolo sondaggio di un gruppo di morsanesi di poco più di quarantanni. Non ha pretese scientifiche ma è indicativo della situazione attuale con le aziende in settori non essenziali, chiuse.

giovedì 19 marzo 2020

Raccolta Fondi per l'Acquisto di dispositivi di sicurezza per l'Ospedale di Palmanova - 19 Marzo 2020

Amici, è una cosa seria, dietro c'è un assessore del comune di Palmanova e anche un'infermiera di Morsano. Questa situazione ci tocca tutti da vicino: diamo una mano come possiamo! Grazie!!!

Clicca qui per fare una donazione.


venerdì 13 marzo 2020

La telemedicina sta arrivano a Morsano?

Il giornale titola "Coronavirus, sì della Regione alle ricette mediche via mail, sms o whatsapp". Una notizia importante perchè vuol dire che la barriera culturale, gioco forza, è caduta: si possono avere rapporti con il proprio medico senza andarci di persona ma attraverso un'interfaccia digitale.

La necessità è la madre dell'ingegno. Ingegno che di solito deve vincere barriere prima culturali che tecnologiche.

A tal proposito, ve lo ricordate il post sulle visite online?

giovedì 31 gennaio 2019
Piano piano ci arriveremo?


https://www.livi.co.uk

mercoledì 11 marzo 2020

Se i ragazzi non capiscono la situazione d'emergenza e giocano a calcio nel campo di Morsano

Un'intera nazione è in regime di contenimeto di un virus che uccide. Uccide per fortuna una percentuale piccola degli ammalati (mediamente il 2,5%) ma, ed il MA è grosso come una casa, intasa i reparti di terapia intensiva degli ospedali.

Li intasa perché una percentuale importante, circa il 10%, dei pazienti colpiti da Coronavirus necessita la terapia intensiva per guarire.

Con 10,000 ammalati, servono mille (mille!) posti in terapia intensiva. Capirete che se ammalano in 250,000 serviranno 25,000 posti in terapia intensiva e come avrete intuito, non abbiamo 25mila ventilatori per intubare tutti i pazienti gravi.

Nella loro testa c'è il buio
Il punto è proprio questo: non far ammalare troppe persone per non trovarsi con troppi ricoverati in terapia intensiva e dover quindi decidere chi intubare e chi no con metodi da "medicina di guerra". Ovvero dover escludere tutti gli anziani.

Poi si sa che se si è giovani e senza patologie preesistenti si ha un'altissima probabilità di avere la precedenza nell'eventuale terapia intensiva rispetto ai nostri nonni o genitori anziani.

Questo è ciò su cui dovrebbero riflettere i ragazzi che giocavano a calcetto sul campetto di Morsano di Strada.

Proprio così, giocavano a calcetto: adolescenti o poco più, parrebbe di Castions e Morsano, ieri, 10 Marzo 2020, in pieno regime di restrizioni sanitarie per il decreto dpcm con le «Misure urgenti di contenimento del contagio»(DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 marzo 2020).

Fa riflettere sia per il loro compiere un reato in quanto vige il divieto di assembramenti e le attività sportive sono vietate (si va nel "penale" con l’arresto fino a 3 mesi o l’ammenda fino a 206 euro «salvo che il fatto non costituisca più grave reato») ma soprattutto per la totale mancanza di senso civico e rispetto nei confronti di una situazione che potrebbe essere MORTALE per i loro parenti più anziani.

Se si infetta un giovane in famiglia poi può trasmettere il virus a tutti i suoi cari! 

Andare a giocare a calcetto con un gruppo di amici, denota, nella migliore delle ipotesi, criminale immaturità ed egoismo. 

Difficile immaginare che gente così nella vita combinerà qualcosa di buono per se e per gli altri. 

La nostra vicinanza ai loro genitori e parenti prossimi: possiamo immaginare che avreste voluto di meglio.


martedì 10 marzo 2020

Numeri Utili: Infettività del Coronavirus per classi d'età (Marzo 2020)




lunedì 9 marzo 2020

Morsano in guardia per il Coronavirus


Tra il 26 ed il 29 febbraio, la Regione FVG ha decretato di chiudere le scuole per contrastare la diffusione del Coronavirus che fino ad allora aveva colpito essenzialmente le zone di Codogno e Lodi in Lombardia. Ad onore del vero, fin da metà febbraio a Ronchi dei legionari, in aeroporto, c'eranop controlli della temperatura corporea tra i passeggeri che ritornavano da voli all'estero (inclusi i voli da Londra Stansted come testimoniato da alcuni morsanesi che rientravano dall'Inghilterra).

Dal 4 marzo la comunità morsanese è alle prese con le restrizioni del decreto del governo per contenere l'epidemia che prevede, oltre alla chiusura delle scuole per tutto il territorio nazionale fino ad almeno il 15 marzo (ed in alcune zone fino al 3 aprile) molte restrizioni al movimento (vedi qui il decreto dell'8 marzo).

Ad oggi non si sa quando la situazione di emergenza e di contenimento del virus si potrà dire conclusa. Si ipotizza che la cosa si protrarrà per mesi o quantomeno per diverse settimane ancora.

La discussione in bar avviene tra gli irriducibili del "non è altro che un'influenza" e quelli del "seguite le regole perché il virus è molto peggio di una banale influenza e può essere mortale per gli anziani in particolar modo".

A Morsano come nel resto della nazione vigono queste regole:



Nel frattempo possiamo seguire l'evoluzione del contrasto al Coronavirus su questi siti:

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune