sabato 31 maggio 2014

Le striscie in lingua friulana dei Gnognosaurs


Le striscie in lingua friulana dei Gnognosaurs sono state raccolte in tre volumi: «I Gnognosaurs», «I Gnognosaurs 2» e «Gnognowood»

Seguili su Facebook!

venerdì 30 maggio 2014

"I luoghi del cuore" del FAI: vota anche tu per l'Amideria Chiozza!

Nel 2010 avevamo segnalato l'Amideria Chiozza nel post "Turismo Industriale: Un’iniziativa Brillante (Soprattutto se coniuga Passato e Presente)".  

Il blog ha ora ricevuto una richiesta: far pubblicità ad una iniziativa del Fondo Ambiente Italiano (FAI) "I luoghi del Cuore". Nel contesto della pubblicità, si propone di votare l'antica "Amideria Chiozza"

Sono già cominciate le votazioni per l'amideria Chiozza, termineranno a novembre 2014. 

E' un posto straordinario, un vero gioiello di archeologia industriale, non può essere perduto! 

Per questo ci associamo nel dare massima diffusione e invitare tutti i lettori a votare, grazie!

==============================

Luigi Chiozza (1828 – 1889), chimico e scienziato di origine triestina, amico di Pasteur, aveva trasformato il suo sogno in una meravigliosa realtà, regalandoci una delle più produttive attività industriali in Friuli  dalla fine dell’Ottocento, innovativa per scelta dei materiali ma anche per lo sviluppo dei macchinari appositamente costruiti. L'Amideria Chiozza è un edificio-macchina creato con criteri di autosufficienza, al quale tutto il mondo ha guardato come ad un esempio produttivo moderno e come a una scoperta innovativa eccezionale per l’estrazione e la lavorazione dell’amido. Sorse nel 1865 lungo la roggia denominata "La Fredda" sui resti di un vecchio mulino, nella località omonima sita in Perteole, inaugurando in loco il ciclo chimico-industriale dell'estrazione dell'amido, dapprima dal frumento, poi dal mais e definitivamente dal 1872 dal riso. Avvalendosi delle sue profonde conoscenze scientifiche, Chiozza rivoluzionò le tecniche agricole per poi coniugare l'agricoltura e l'industria in un unico filone commerciale. All’epoca era una fabbrica di una modernità fuori dal tempo non solo nell’organizzazione di tutto il processo produttivo, a partire dalla materia prima: il riso, per arrivare al prodotto finito l’amido, curando anche lo sviluppo dei mezzi di trasporto necessari alle spedizioni in tutta Europa e fino in America, ma anche un progetto futuristico per distribuzione degli spazi e dei locali destinati alle lavorazioni, rispettoso delle norme di sicurezza, in modo quasi impensabile per quel periodo storico..

L’Amideria di Perteole ha prodotto per più di cento anni amido di ottima qualità, richiesto soprattutto dal mercato americano, restando operativa fino al 1986. Nel 1889 la direzione della fabbrica passò al figlio 
Giuseppe e poi, con capitali triestini, nel 1902, ad una nuova società "La nuova Pilatura Triestina". A questo periodo risale la grande ristrutturazione della fabbrica con l'introduzione di nuove caldaie e macchine per aumentarne la produzione. 

Attualmente lo stabile è di proprietà del comune di Ruda che naturalmente auspica il recupero e la 
riqualificazione di questo affascinante luogo. Purtroppo questo splendido opificio attualmente versa in condizione di gravissimo degrado, silenziosamente si sta consumando l’agonia di un vero gioiello della nostra Regione. Personalmente ho sentito di dover raccogliere quello che ho percepito come un grido di dolore e tentare, nel mio piccolo, di rendere omaggio a questo magnifica struttura, agli uomini e donne che qui vi hanno lavorato. 

Ho in qualche modo “adottato” l’Amideria di Perteole cercando di sensibilizzare e far conoscere questa 
realtà, contribuendo alla realizzazione di un libro di immagini e parole, di prossima pubblicazione, in
accordo con l’Amministrazione Comunale di Ruda, attuale proprietario dello stabilimento, con il patrocinio del FAI, dell’Unesco e di Italia Nostra. 
Milvia Morocutti milvia.morocutti@istruzione.it
L’attività imprenditoriale di Luigi Chiozza Dalla tenuta modello all’edificio macchina (l’Amideria 
di Perteole) a cura di Furio Bianco, Protagonisti del Made in Friuli, Camera di Commercio, Industria, 
Artigianato e Agricoltura di Udine, Grafiche Missio 1986.  

giovedì 29 maggio 2014

Spritz Education: conta di più il titolo di studio o la somma delle esperienze personali?


Il dibattito che tiene sulle spine i bevitori di spritz morsanici riguarda molto da vicino il futuro delle giovani generazioni che si affacciano al mondo dell'istruzione superiore.

PISA (Programme for International Student Assessment) è un indicatore conosciuto ai nostri studenti che si esprime con la "prova INVALSI" per stabilire le classifiche internazionali di conoscenza ed abilità degli studenti dalle elementari in poi (OECD rankings of educational attainment). A giudicare dalla reazione delle mamme morsanesi dovrebbe essere chiamato PISA ma per significare Pressione Incertezza Sociale Ansia.

I dati sono implacabili: i 15enni cinesi figli di gente comune hanno voti PISA in matematica molto migliori dei figli di professionisti, imprenditori e dirigenti morsanesi, della nazione circostante e pure del continente circostante.

Ci son pure cose strane tipo i figli di papà che fan peggio di chi deve sudarsi le cose, (Corriere della Sera: L’eccezione italiana, dove i figli dei manager vanno meglio a scuola di quelli dei professionisti. La forbice Nord-Sud in Italia, dove il figlio di un metalmeccanico lombardo va meglio del figlio di un manager siciliano) e si dice che chi eredita lo studio da papà non ha gli stimoli per rompersi a preparasi e quindi se ne frega di più dei risultati scolastici.

Ad ogni modo, l'istruzione conterà sempre più; negli ambienti che contano si prevede che in futuro non ci saranno nazioni "povere" ma nazioni "ignoranti" e lo stesso vale per il mondo del business con produzioni più o meno critiche altamente dipendenti dal livello medio d'istruzione della forza lavoro. Nella "società della conoscenza" (la "knowledge society") di fatto non ci son scuse per la mancanza di performance e i governi più avveduti questo lo sanno.

Però qui sorge il problema fondamentale che al bar di Morsano non è sfuggito: conta più il grado formale d'istruzione e quindi il titolo d'istruzione o l'esperienza sul campo?

La mania di comparare le nazioni in base "al numero di laureati" è un buon metro di giudizio sul sistema educativo di una nazione e sulla sua competitività di lungo corso oppure è una misura fallace?

Chi dice che è una misura fallace punta il dito sulla necessità di esperienze qualificate che non necessariamente sono correlate ad titolo di studio formalmente di alto livello. Vero che i dirigenti d'azienda sempre più mettono a fuoco il "capitale umano", infelice espressione per indicare la forza lavoro ma non è detto che questo sia valorizzato dagli indicatori del PISA.

In Germania la macchina economica è mandata avanti dai "Facharbeiter", gli specialisti (come da noi i periti) ed esiste un ottimo sistema di apprendistato che molti vorrebbero importare anche in Italia. Apprendistato significa "esperienza sul campo". L'esempio della Germania non sembra essere seguito molto visto che un recente studio di McKinsey ha verificato che i legami tra scuola e mondo del lavoro, in media sono labili ovunque, pure ManPower in un suo sondaggio ha appurato che solo il 6% delle imprese sono partner di istituti scolastici e università.  

Esempi di partnership spesso citati nei chioschi paesani sono

  • Wipro, la conglomerata ICT indiana che apre a migliaia di studenti ogni anno
  • Siemens che apre regolamente le fabbriche a tour di studenti e famiglie 
  • SK Telecom che in Sud Korea ha un'iniziativa dedicata agli studenti 
Ci sono poi le iniziative delle nostre grandi aziende nostrane (es. Danieli, Fincantieri ecc.) ma nel complesso è ritenuto troppo poco. 


Secondo alcuni spritzettari, il problema è che le aziende son comunque solo interessate a sviluppare esperienze e capacità molto definite e non hanno un impatto su larga scala. Quindi le esperienze pratiche affinchè siano patrimonio collettivo e ricchezza collettiva, andrebbero strutturate su larga scala (come ad esempio succede in Germania con il programma di apprendistato obbligatorio). C'è poi da considerare che "esperienze" significa anche attività extracurricolari. Nel caso paesano, ad esempio, organizzare qualcosa o essere coinvolti in un'associazione o nella politica locale aiuta a capire le persone e a tonificarsi il fegato, tutte cose che son utili poi nel mondo del lavoro.

Così il bancone si è diviso tra:

- chi sostiene che l'istruzione formale è la chiave del futuro perchè tanto più si ha studiato sui banchi di scuola e tanto piùsi è flessibili per abbracciare i cambiamenti del futuro
- e chi sostiene che sono le esperienze di vita e di business che fanno la differenza contro la sola teoria dei piani di studio e quindi ci si deve preoccupare se i giovani son solo concentrati sugli studi formali tralasciando le esperienze accessorie

...e il dibattito continua



=============================
Vedi anche Skills are more than the sum of school data

lunedì 26 maggio 2014

Elezioni Comunali 25 maggio 2014: i Candidati di Morsano raddoppiano le preferenze

Non ci sono state molte sorprese in queste elezioni, un paio si ma essenzialmente il sentimento paesano sembrava indicare una riconferma, sebbene con percentuali minori rispetto al 2009, della lista uscente e i candidati forti in tutte le liste già si intuivano.

Confrontando i risultati elettorali delle comunali dell'8 giugno 2009 e del 25 maggio 2014 (dati tratti da Sito della Regione) risulta che il numero dei votanti è calato passando da 2.531 a 2.258 (un calo dell'11%) con un trend peggiore tra i voti validi (-15%). Nel 2014 le comunali si sono svolte in un solo giorno, anzichè i due del 2009, e in concomitanza con le Elezioni Europee che di solito non attirano l'elettorato; l'affluenza complessiva nel comune è stata del 62%.

Il 25 maggio 2014 i voti validi son stati pari a 2.068 (su un totale di 3.614 aventi diritto al voto), di questi, il 52% pari a 1068 voti ha votato per liste alternative alla maggioranza uscente la quale raccoglie 1.000 voti.

Da segnalare che i candidati più votati sono di Morsano, il che conferma che se c'era l'opportunità di avere un sindaco morsanese, quel treno passava proprio ora.

Risultati elettorali 8 giugno 2009 e 25 maggio 2014 a confronto:


Rispetto al 2009, al netto dei voti nulli o schede biance, in quasi 400 han deciso di non andare a votare e al netto delle differenze tra le due votazioni, sembrerebbero voti persi dalla maggioranza uscente mentre il voto all-opposizione, nel suo insieme cresce lievemente. 


Tra i candidati in entrambe le tornate questi i trend:


Poi il dato cruciale, i candidati morsanesi rispetto al 2009 quasi raddoppiano le preferenze, passando da un totale di preferenze individuali pari a 349 a quasi 700!!!


Questa volta aumenta anche il numero di elettori che esprimono una preferenza (grazie però all'introduzione della doppia preferenza di genere, cioè si poteva esprimere una seconda preferenza solo per una donna).


Morsano rulez!

Le liste hanno anche performance diverse tra candidati di Morsano e Castions (i dati si riferiscono a preferenze espresse per candidati provenienti da Castions o Morsano e non ai voti espressi nei due paesi):



I candidati morsanesi incassano una media di 57 preferenze contro una media di 33 dei castionesi.

Nella classifica delle preferenze, i morsanesi si collocano nella parte alta:


Diversi gli esordi col botto mentre chi già gioca da tempo sulla scena ha la tendenza ad avere un seguito consolidato.

In consiglio comunale siederanno 6 consiglieri di Morsano su 16, in pratica il 37% del consiglio sarà morsanese mentre con 1.000 abitanti su un comune di 3.800, Morsano rappresenta "solo" il 26% della popolazione comunale. 

sabato 24 maggio 2014

Morsanese dell'Anno 2013: and the winner is...

Gli eventi salienti di Morsano di Strada nel 2013 sono qui nel Blog degli eventi.



Le nominations per il Premio Morsanese dell'Anno 2013 giunte al blog nell'ultimo mese si concentrano su:

- ASD Morsan che a soli tre anni dalla costituzione della società centra due promozioni consecutive 
Faustino Budai fa da volano per la ripresa delle attività tennistiche in paese in particolare per i ragazzi organizzando con energia corsi e tornei. Faustino è l'anima dell'ASD Tennis Riuniti "I Croz" che ha rimesso in corsa il campo di tennis di Morsano catalizzando l'attenzione di molti volontari che nel corso del 2013 hanno ripulito gli spogliatoi, cambiato le parti rotte della struttura, raccolto fondi per interventi di manutenzione e aiutato a demolire la casetta pericolante. Faustino si presta ad aiutare anche attività avviate all'interno del comune come il suo contributo come istruttore di nuoto all'estate ragazzi oltre a stimolare le attività motorie e la partecipazione a manifestazioni con i ragazzi anche su base internazionale come i tornei amichevoli di pallanuoto.  
- Fiocco Boys che nascono ufficialmente come ASD nel 2013 e continuano ad incassare successi di partecipazione ai loro tornei
- il Circolo Culturale Le Risultive che porta a Morsano un artista di primissimo piano, Arrigo Poz, per le lezioni di pittura ai suoi soci,inoltre si fa promotore di un gran numero di conferenze organizzate, dalle serate sanitarie a quelle tematiche oltre ai corsi di inglese, di computer e di pittura per adulti. Nel 2013 si è fatto promotore della realizzazione da parte del Minto e installazione delle due lapidi marmoree nella cappella del cimitero di Morsano oltre che la visita guidata alla mostra di Illeggio. Di grande rilevanza è stata la serata con don Geretti, curatore della mostra di Illegio
- Pizzeria Al Platano 2 per aver scelto Morsano per ampliare la propria attività nata in quel di Flumignano
- il Comitato Borghi che ha provato a ravvivare il centro organizzando un evento sportivo 
- L'Associazione Ricreativa per continuare a mietere successi ed aver coronato un anno di attività con una bella gita a Barcellona in Spagna
- Leonardo Zanello che apre la sua prima mostra fotografica
- Lis Mascaris per la prestigiosa partecipazione in Campania agli Ozi di Capua (18-21 Luglio 2013)
- Paviottiphoto che vede le sue opere morsanesi esposte in maniera permanente presso la sede comunale

And the winner is...

Mauro Paviotti che nel luglio 2013 ha ricevuto il premio più prestigioso per un fotografo della nostra regione, il "Premio Friuli Venezia Giulia Fotografia 2013" coronato con una mostra personale ospitata presso Villa Ciani a Lestans, sede del CRAF, tra il 20 luglio e il 1 settembre 2013
Nominati speciali: 

- le sorelle Contardo per la loro partecipazione e vincita al gioco a quiz televisivo di RAI 1 "Reazione a Catena"

- Fabrizio Biscotti per essere stato candidato alla Camera dei Deputati alle elezioni politiche nazionali (nelle fila di Fare per Fermare il Declino) nel febbraio 2013 nel Colleggio Estero Europa. Pur non eletto, ha ottenuto 1200 preferenze personali.    

Congratulazioni a tutti i vincitori ed ai nominati.

venerdì 23 maggio 2014

Polemica Elettorale: il Blog accusato di poca copertura della campagna elettorale per le comunali del 25 maggio 2014






Il blog é stato accusato di non coprire adeguatamente la campagna elettorale per le elezioni comunali di Domenica 25 Maggio 2014.

Il paese si sta digitalizzando sempre piú e la campagna sui social e nel mondo piú o meno virtuale della rete conta sempre piú, in particolare con le nuove generazioni di elettori.

In effetti si sarebbe potuto fare di piú e sfruttare questa occasione per far esplodere il numero di click.

Vabbeh, sará per le prossime elezioni. Per ora godetevi ancora due giorni di commenti liberi sul post Lettera di un lettore: e il faccia a faccia con dibattito pubblico tra le tre liste? 

...e non é poco!

Morsano Tic-Toc: quando avremo Twitter nella politica locale?

Un lettore ci ha segnalato un post del 2 luglio 2009 dal titolo "Anticipazione dei prossimi post" e ci rimprovera che sul punto "Fenomeno Twitter: a quando i consiglieri comunali su twitter? A quando le comunicazioni sulla vita del paese via twitter? (vedi qui il Twitter Comune di Udine)" non abbiamo poi scirtto nulla.
Al che abbiamo fatto un apiccola ricerca ed abbiamo trovato due post del 2010 "Morsanesi su Twitter: entra anche tu per non essere un "taiat fur" e "Consiglio comunale: seguilo su Twitter". In realta' e' vero che twitter come social in paese non ha attecchito. E' un social piu' di nicchia usato per lo piu' dalla popolazione dei trenta - quarantenni generalmente professionisti e abitanti di cittadine o cittá. 
Whatsapp ne ha preso le sembianze attecchendo tra le popolazioni paesane sia molto giovani che tra gli attempati che si riscoprono ragazzini (visto il tono di certi messaggi che si vedono in giro). Resta da capire se Twitter diventera' mai un social di comunicazione per la politica locale oppure se sara' una piattaforma relegata a nicchie e dimenticata dall'audience morsanica.

In attesa di vedere una battaglia di tweets durante una #diretta dal #ConsiglioComunale di #CastionsdiStrada o durante la #CampagnaElettorale per le #Amministrative2014 scatta il consueto...

...#morsanodistrada tic toc, tic, toc 

giovedì 22 maggio 2014

Barometro dell’influenza digitale alle Elezioni Europee 2014 – i capolista italiani più influenti sui social network

A Morsano nelle osterie si parla delle solite tre cose: frice, balon e pulitiche. Tuttavia, in questo periodo, se ne parla con un ordine invertito visto che il campionato é finito (sebbene le emozioni le diano ancora i Fiocco Tais al loro torneo), le olgettine son passate in sordina e ci son sia le elezioni comunali che quelle Europee. Cosí é naturale che si cerchi di capire chi sono i leader di partito piú influenti nel collegio NordEst.

Ci son i sondaggi clandestini a tenere banco ma pure dei simpatici studi fatti sulle interazioni online dei candidati.

In particolare, Augure, azienda presente in Francia, Spagna, Belgio e Italia ha compiuto uno studio sulla presenza e influenza online dei capolista candidati al Parlamento Europeo alle elezioni di domenica 25 maggio 2014.

Secondo Augure il 92% dei capolista italiani è attivo su almeno un social network, mentre l'8% è assente: Facebook e Twitter sono le piattaforme più utilizzate.

L’indagine ha registrato i dati di presenza e attività di un campione di candidati italiani sui social network, sui media e nei blog nel periodo compreso tra il 16 aprile e il 16 maggio 2014. Da notare che l’influenza digitale non è esclusivamente legata al numero di fan o follower sui social network, ma è piuttosto il risultato dell’interazione tra più elementi come:
  • la visibilità (audience a cui una persona è in grado di arrivare attraverso i suoi messaggi o comunicazioni online), 
  • la share of voice (il livello di partecipazione alla discussione su un argomento specifico) 
  • l’eco (la capacità di creare un’opinione e avere rilevanza sull’argomento in questione).
Nel NordEst
  1. Matteo Salvini – capolista in tutte le circoscrizioni Lega Nord
  2. Giorgia Meloni – capolista in tutte le circoscrizioni Fratelli d'Italia
  3. Alessandra Moretti - capolista nord-est Partito Democratico

Social network
Tra i più attivi sui social network troviamo i capolista 
  1. Marco Affronte (nord-est) del Movimento 5 Stelle, 
  2. Antonio Cancian (nord-est) del Nuovo Centro Destra/Udc, 
  3. Alessia Mosca (nord-est) del Partito Democratico  
  4. Michele Boldrin (nord-est) di Scelta Europea.

Twitter
  1. Michele Boldrin (@micheleboldrin) capolista nord-est di Scelta Europea, 
  2. Isabella Adinolfi (@Isa_Adinolfi) capolista sud del Movimento 5 Stelle
  3. Alessia Mosca (@alessiamosca), capolista nord-ovest del PD
hanno ricevuto il maggior numero di menzioni nel periodo analizzato dal software di monitoraggio di Augure.

È interessante notare come due dei cinque capolista più attivi su Twitter appartengono a Scelta Europea. Il coordinatore nazionale di Fare per Fermare il declino, Michele Boldrin (@michelebolrdin), e il capogruppo al Senato di Scelta Civica, Gianluca Susta (@gianlucasusta) hanno utilizzato l’hashtag #ep2014 rispettivamente 23 e 5 volte.

mercoledì 21 maggio 2014

Morsano Tic-Toc: Ricette del Medico, dalla Svezia con Amore

- Dottore, la ricetta?
- Fatta 
- E non me la da? 
- Non serve, va in farmacia col cod.fiscale e loro sanno #Svezia 

Difficile?

(conversazione riportata su cortesia di un trevisano espatriato in Svezia) 

...e quando a Morsano una cosa del genere? tic-toc, tic-toc

Esperienze del genere son il sogno
di ogni italiano

L'Europe viodude dai Furlans


Presa dalla rete giusto in tempo per le elezioni Europee.

PS il bignami per la scelta da fare il 25 maggio: Europee 2014, tutti i bignami dei programmi delle liste

sabato 17 maggio 2014

Lettera di un lettore: e il faccia a faccia con dibattito pubblico tra le tre liste?

Ci scrive un lettore

"[...] questa volta siete molto deludenti sul fronte della copertura delle elezioni locali, evidentemente anche voi vi siete adeguati al sistema! Volevo segnalare che a differenza di alcuni comuni vicini (es. Gonars), qui non c'è nessun confronto pubblico tra le liste e tra i candidati sindaco. Come se non bastasse, il più dei candidati neppure lo si sente parlare nelle presentazioni, neppure un "buonasera, mi chiamo Tal dei Tali e queste sono le mie idee", ci sono diversi candidati che in paese non si son mai visti, non fan parte di nessuna associazione e dio solo sa perchè han deciso di fare la prima uscita paesana con una candidatura per rappresentare un territorio che non conoscono. Per chiudere, non so se qualcuno ha notato che i blog delle liste sono pieni di sottintesi che solo pochi possono capire. Che scopo ha fare sempre sarcasmo gratuito come fa l'altar ego (un alter ego talare) di uno dei candidati se nessuno capisce a cosa si riferisca? Alla gente il sarcasmo non interessa, interessano i fatti. Senza contare poi l'assenza di commenti ed interazione nei blog di lista. Infine, perchè non c'è diretta streaming delle serate? Di fronte a tutto questo silenzio del vostro blog vien solo voglia di dirvi: sveutis!"

Buongiorno, cappucino e brioche. Ecco pubblicato.

I commenti a questo blog sonbo liberi e senza supervisione per 24 ore dopo un post, poi vengono visionati (tempo permettendo al più presto). Chi vuole ha 24 ore per dire quello stracazzo che gli pare. Se non si fa vuol dire (forse) che i lettori non si stanno appassionando a queste elezioni così come si erano appassionati a quelle di 5 anni fa?

Oppure che ci siamo tutti persi qualcosa.

In effetti alla gente un confronto pubblico tra candidati piacerebbe. Così poi se la giocano senza trattative. 

venerdì 16 maggio 2014

Spritz Entrepeneurship: i figli degli imprenditori sono imprenditori o gestori?

Questa settimana (maggio 2014), il Messaggero Veneto ci informa che il "Fvg fanalino di coda per l’imprenditoria giovanile" con i dati della Camera di commercio che indicano come siano solo 8mila le imprese degli under 35 su un totale di oltre 100 mila. 


Il blog aveva giá tempo fa sottolineato come in generale in Friuli VG fosse la regione meno imprenditoriale d'Italia (vedi "Numeri Utili: Numero di Imprese per Regione (2011) - E' il Friuli V.G. la regione meno imprenditoriale d'Italia...") e il fatto che sia anche tra le meno imprenditoriali a livello giovanile é solo un triste corollario del trend generale.

Il punto peró é un altro. Il bancone é tremato quando chi aveva appoggiato il gomito con lo spritz in mano ha notato come le "associazioni imprenditoriali giovanili" di fatto raccolgano sempre piú non chi l'impresa l'ha fatta (di solito negli anni del boom italiano 1960-1980) bensí le seconde generazioni. Inoltre, a queste, si aggiungono solamente pochissimi giovani che in effetti hanno creato da zero un'impresa che possibilmente vada oltre la mera registrazione di una partita IVA individuale ma che dia lavoro ad altre persone.
LO imprenditore giovane

Sorge dunque legittimo il dubbio che in effetti non si tratti di "associazioni imprenditoriali giovanili" bensi di "associazioni gestoriali giovanili" (manageriali suona troppo milanese). 

vero che chi fa l'azionista e gestisce l'azienda é un ibrido tendende al rischio proprio del fare impresa piu' che alla rendita o alla semplice gestione, ma é anche vero che nella quasi totalitá delle situazioni, le quote societarie non son state conquistate con il lavoro ma per diritti di nascita. Insomma, delle rendite di famiglia.

Cosi il bar si é spaccato in due tra chi dice che 

- comunque chi é figlio di fondatori di azienda e gestisce l'azienda per nome e per conto degli azionisti di maggioranza é un imprenditore a pieno titolo

- e chi ritiene che l'imprenditore si qualifica come tale solo se ha creato lui l'azienda, altrimenti si tratta di "gestori" o "amministratori di rendite" alla faccia di Mark Zuckerberg

...e il dibattito continua 


mercoledì 14 maggio 2014

Perché non mettono mai la foto della platea dei comizi?

Poco tempo fa, in occasione delle elezioni regionali in Sicilia, il candidato della lista “Grande sud”fu sbeffeggiato dal popolo della rete per il suo comizio a Santa Caterina Villarmosa, provincia di Caltanissetta (vedi link)



Nei bar nostrani, tutti si chiedono come mai il pubblico dei comizi o presentazioni non venga mai ripreso. Se é per questioni di presunta privacy, ci si chiede come mai non venga mai ripreso da dietro cosí da vedere tante anonime spalle del folto pubblico e le facce sorridenti dei candidati che comiziano dal palco.





lunedì 12 maggio 2014

Spritz Bribes: la Superiorità Morale esiste?

Oggi in bar si discuteva di "superiorità morale" e qualcuno s'è messo a cantare la canzone di Britney Spears "Oops!... I Did It Again" (ooops, l'ho rifatto di nuovo) parlando dell'arresto di Primo Greganti come conseguenza di un'indagine su giri di tangenti per l'EXPO di Milano 2015.

Dalla biblioteca dell'osteria della nostra piazza affari del Pellegrino è sbucata un'intervista del giornale l'Unità del 12 febbraio 2012 a firma di Claudia Fusani: Primo Greganti: «L'inchiesta fu un bene ma l'Italia non è cambiata»


Oggi è solo neve, ma 2000 anni c'era da gagarse dal freddo
S'è discusso di un passaggio in particolare:

Anche lei si considera “un errore” di quella stagione? Fece un certo effetto, all'epoca, un comunista che aveva un conto in Svizzera chiamato Gabbietta. Con un miliardo di lire in contanti in una valigetta (filone tangente Itinera) e sul conto, in Svizzera, la cifra esatta (612 milioni) di una tangente già versata dal gruppo Ferruzzi a Dc e Psi per un appalto dell’Enel... 
«Avevo soldi in Svizzera perché lavoravo moltissimo con la Cina anche per il gruppo Ferruzzi che pagava le mie consulenze. Mi reputo una vittima. Sono stato condannato per finanziamento illecito al partito ma non una lira è transitata tra me e il partito in modo irregolare. Ci sono molti passaggi regolari, ma non ho mai preso tangenti. Questa è la verità».

e del Corriere della Sera del 10 maggio 2014, «Il protettore, poi nove anni di rate Così ti fai il capitolato su misura» Expo e sanità, il sistema spiegato da un factotum dell’ex dc Frigerio. L’accordo con Greganti. «Ragazzi, adesso c’è la Città della Salute»:

Le buste sigillate con le offerte relative alla gara ancora da aggiudicare per la realizzazione della Città della Salute sono fra le carte che l’altro ieri gli inquirenti hanno sequestrato a margine dei 7 arresti: a detta del gip, per l’associazione capeggiata da Frigerio era «necessario coinvolgere da subito un grande pool di imprese», procedendo «in accordo con Primo Greganti» e spingendo sulla «Cooperativa Manutencoop» «in quanto la coop ha i necessari collegamenti» a sinistra, là dove Frigerio si ritiene «coperto» appunto da Greganti, il «compagno G» già arrestato in Mani pulite vent’anni fa. 

Così il dibattito s'è diviso tra chi:

- chi fa mille distinguo ma però, Penati, sebbene, doverose eccezioni, come fosse antani Greganti non ricordo, prestito, azione individuale sbiricuda superiorità morale e in Palestina 2000 anni fa c'è stata una glaciazione con conseguenti morti eccellenti a causa del freddo,  

- e chi pensa che sia "allucinante che rubino sempre gli stessi" e soprattutto sia allucinante che siano sempre li sempre gli stessi

...e il dibattito e l'andazzo continuano 

martedì 6 maggio 2014

Spritz LED: bando o non bando?

Da diverse settimane in bar si discute del banco annunciato a dicembre 2013 e riportato in questo articolo "Energia: bando per illuminazione pubblica in piccoli comuni".

Il bando in question sarebbe rivolto ai Comuni più piccoli (sotto i 1000 abitanti) per finanziare interventi immediatamente cantierabili (da realizzare tassativamente entro il 30 aprile 2015) per la sostituzione di lampioni della pubblica illuminazione obsoleti e costosi, sia come consumi che come manutenzione, con soluzioni tecnologicamente all’avanguardia.

Per uso privato, già dal 1° settembre 2012 è scattato il divieto di vendita delle lampade a incandescenza ma, in particolare, esiste un piano dell'Unione Europea che dal 1° settembre 2016 prevede il divieto sarà esteso alle lampade alogene a bassa efficienza.

Il che ha portato l'attenzione sugli impianti di illuminazione pubblica e su quelli dei centri sportivi alimentati in genere da lampade alogene e quindi energivore. Saranno bannate pure quelle?

Il dibattito s'è scatenato tra gli amici del prosecco e dello spritz tra chi dice che in Italia la normativa europea, se va bene, sarà recepita nel 2019 e quindi a fine mandato della nuova amministrazione comunale e chi dice che entro l'autunno 2016 i comuni divranno organizzarsi per sostenere il salasso del cambio di illuminazione pubblica. I centri sportivi probabilmente avranno il loro bel da fare per cambiarsi le luci dei fari oggi tutte alogene o comunque di vecchia concezione. Fari a LED per ora in paese non se ne vedono (ma a breve ci saranno novità tennistiche in merito).

...e il dibattito continua



=========================

sabato 3 maggio 2014

Numeri Utili: Carcerati su Popolazione (2013)

In Italia ci sono 106 carcerati ogni 100.000 abitanti (cioè una popolazione carceraria di oltre 60 mila individui). L'America è la nazione delle carceri con livelli di detenzione di ben 7 volte quelli italiani.


giovedì 1 maggio 2014

Morsano TicToc: niente contante e l'80% degli acquisti con carta

Di San Pellegrino sulla carta se n'era parlato
Lo avevano notato da tempo i turisti morsanesi in visita a Londra: si puó pagare tutto con una carta di credito o con il bancomat. ma proprio tutto, fosse pure solo per 5 sterline (6 euro) per un panino. 

I sistemi di "contact-less" sono pure disponibili per gli acquisti sotto le 15 sterline cioé non serve neppure mettere il pin o firmare la ricevuta e basta avvicinare la carta a un lettore (un po' come quando sugli sci si attivano i tornelli della seggiovia semplicemente passando con il biglietto magnetico in tasca). 

Il sistema finanziario e bancario di Svizzera, Lussemburgo e Gran Bretagna é il piú avanzato d'Europa (e del mondo) per cui non fa troppa notizia sapere che i conti correnti in queste nazioni sono gratuiti e i governi si guardano bene dal pretendere imposte di bolllo sui conti correnti perché non vogliono colpire un settore di traino per le economie nazionali. Pure i costi dei servizi delle carte di credito sono molto competitivi per cui possono essere attraenti anche per i negozianti o per chi vende qualcosa. 


Chiaro che se si vive in uno Stato dove i conti correnti sono i piú costosi d'Europa (e al mondo?), dove le banche han troppo personale e non licenziano, son sotto-capitalizzate e devono far cassa, le carte di credito possono imporre costi significativi e ci son pure tasse sui conti correnti, non ci si puó meravigliare della poca passione nazional popolare per l'utilizzo dei servizi finanziari.
Ed esiste per davvero! 

A Morsano e nella nazone circostante, ci sono i limiti per gli acquisti con contante sopra i 1.000 euro e c'é l'obbligo di tracciabilitá per praticamente tutte le transazioni. Il dramma umano che si vivrá in futuro é per le lotterie delle associazioni che oggi sono una delle poche risorse per raccogliere fondi: si venderanno i biglietti con il bancomat? 

Ad ogni modo, il Tic-Toc di oggi é capire quando a Morsano si raggiungerá l'80% degli acquisti fatti con il bancomat.

...tic-toc, tic-toc 

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune