mercoledì 2 dicembre 2009

Crisi nell'Emirato: cosa Dubai avrebbe potuto imparare da Morsano

Come sapete é di questi giorni la notizia dei problemi del fondo pubblico Dubai World. Ebbene, se avessero seguito quello che si fa a Morsano, a quest'ora non avrebbero tutti questi problemi.

Ecco perché...

A Morsano non si fanno progetti faraonici ma abbiamo molti faraoni senza progetti.

Loro infrastrutture artificiali a forma di palma ma noi non abbiamo un fico secco d’infrastrutture.

Loro alberghi a 7 stelle con camere che vanno da 1500 dollari a 27.000 dollari a notte, noi, molto piú semplicemente noi non abbiamo alberghi.

Loro soldi di varia provenienza, noi semplicemente niente soldi e basta.

Loro hanno zone “commerciali libere” dove non si pagano tasse e si apre un business in pochi giorni, noi ci arrangiamo con molta burocrazia, tasse alte ed esercizi commerciali che chiudono.

Loro hanno gli impianti che trasformano l’acqua di mare in acqua potabile, noi abbiamo le cave che fanno l’opposto.

Dubai fa rima con snacai, Morsano no.

L’emirato vicino di Abu Dhabi coprirá i debiti di Dubai ed in pratica “comprerá” Dubai, noi a Morsano cammineremmo sui carboni ardenti piuttosto che farci comprare dai beduini dell’emirato che ci sta vicino.

Infine, con ‘sta storia della bolla di Dubai i telegiornali, giornali e blogs c’han fatto du palle grandi come una mongolfiera; a Morsano, in certe zone, eravamo giá molto dotati prima.

Insomma, se Dubai avesse seguito Morsano come modello, la crisi di sicuro non ci sarebbe!

17 commenti:

Anonymous ha detto...

se Dubai avesse fatto come Morsano, anche loro sarebbero rimasti dei beduini semplici ma felici!

Ali Safwan El-Biscot ha detto...

Meglio essere a Dubai che in Irlanda dove piove sempre! Saluti da quassú a voi laggiú. Amico V, cjatat el gjornalin? Viva

fini ale stuf dal käiser! ha detto...

mandi marqualdo, tu sés ancje plui mataran di me!

Pamela ha detto...

Che cos'è un mataran?

storico locale ha detto...

nella cultura celtica, il "mataran" era un oggetto che le donne portavano al collo e che rappresentata un simbolo fallico. Piú era di grosse dimensioni e piú la donna proveniva da una famiglia importante. La sua lunghezza si misurava con un apposito strumento detto "zarometro".

Pamela ha detto...

Quindi essere un mataran è un complimento....è simbolo di nobiltà d'animo e di intenti....

celtico cun tun bon mataran ha detto...

cara Pamela, la tua innocenza è dolcissima ma si sta parlando di "altro".

Latino de el aeropuerto de Dublin ha detto...

celtico, tu tu ses pi mataran di me (ancje se mancul di cui ca cognosin no)!

Pamela ha detto...

Ma allora questo è un mataran tutto morsanese...

Anonymous ha detto...

marqualdo, viot che celtico ale rauti e no el seracchian.!

Pamela ha detto...

Mi è stato spiegato che è un gioco.Ok.Allora provo a giocare.
Celtico, tu ses propite un mataran..

Ho detto giusto? :-)

Di nuovo a Lonca ha detto...

Hai detto bene!

PS par Pino, viot di no nomená el Serachian invano che senó ti rive le squalifiche per vilipendio al membro delle istituzioni.

presidente del circolo dei matarans ha detto...

e ce membro!

Pamela ha detto...

Ah allora avevo ragione!MATARAN è legato a nobiltà d'intenti!
Quindi sono felice di conoscere tanti matarans....

moscardin ha detto...

cara Pamela, facciamo che non rimanga solo un intento!

Pamela ha detto...

Nella vita non si vive di soli intenti...ciao matarans.
Credo chiamerò mataran il prossimo animaletto che adotterò a casa...

Pamela ha detto...

Chiamerò così uno dei miei animali.Ma è un nome strano per un cagnetto gattino o topo...mataran..Mha!

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune