lunedì 18 novembre 2013

Dei Piccoli Comuni: Esercizi Lessicali e Cambiamenti Sostanziali (e d'Imperio)

Le cinture di sicurezza venivano montate sulle auto italiane destinate all'export già negli anni Settanta (ad es. la Francia le rese obbligatorie nel 1975) però in Italia, chi aveva una di quelle auto, non se le allacciava. Non certo perchè si mettesse in dubbio l'utilità salvavita delle cinture (la sostanza della questione) ma perchè non gli era stato imposto (l'obbligatorietà della questione). Quando divennero obbligatorie per una legge calata dall'alto nel 1988, tutti si conformarono in silenzio.

Cadere in moto ad alte velocità è abbastanza evidente che faccia danni alla testa (la sostanza della questione) però non è che ci fosse la corsa a mettersi su il casco fino a che una norma del 1992 lo rese obbligatorio. Da allora tutti se lo mettono su senza neppure dubitare per un momento che sia una cosa utile (l'obbligatorietà della questione).

Nel campo medico, studi scientifici e pubblicati in Australia nel 1984, avevano identificato in un batterio, l'Helicobacter pylori, la causa dell'ulcera, quindi con antibiodici curavi l'ulcera (la sostanza della questione). Nel frattempo, negli USA e nell'Europa occidentale, due regione molto avanti con la medicina, si continuava a "curare" l'ulcera con un'operazione chirurgica di rimozione di parte dello stomaco. Questa preferenza per la chirurgia andò avanti per 20 anni... finchè si fece strada nelle varie comunità sanitarie nazionali il concetto di cambiare drasticamente ed attaccare con le pillole e non con il bisturi (l'obbligatorietà della questione). PS la scoperta di 20 anni prima fece prendere il Nobel nel 2005 ai due ricercatori.

MORALE DELLA FAVOLA N.1: noi esseri umani resistiamo i cambiamenti anche di fronte all'evidenza. Nelle "Business Schools" ti dicono che "people resist change" (la gente resiste il cambiamento) per spiegarvi che, quando sarete dei managers, per ogni cambiamento aziendale che vorrete attuare dovrete sputare pallini e questo per una comunissima questione antropologica. Non c'è una logica nella resistenza di fronte all'evidenza (le cinture perchè non metterle se sai che facendo un incidente rischi la TUA salute?) però senza l'obbligo non funziona. Dopo l'obbligo tutti si adeguano e zitti (e cinture allacciate).  

===============================================================
Nel diritto penale i reati si distinguono in delitti e contravvenzioni a seconda della specie di pena prevista dal codice penale (art. 39 c.p.): i delitti sono quei reati per cui è prevista la pena dell'ergastolo, della reclusione, della multa, mentre le contravvenzioni sono quei reati per cui è prevista la pena dell'arresto e/o dell'ammenda. Tuttavia, nella nostra vita di ogni giorno si guarda alla sostanza delle cose: "ho preso una multa" e "lo hanno arrestato" è pienamente in linea con l'essenza di quanto accaduto e nessuno si sognerebbe di rifarsi il vocabolario perchè si tratta di "ammenda" e non di "multa" o perchè è soggetto alla "reclusione" non all' "arresto". Si chiama "sostanza delle cose". 

MORALE DELLA FAVOLA N.2: Quando si parla dei piccoli comuni, si può fare un trattato di lessico legale (unione, fusione, definizione precisa di "piccolo comune" ecc.) o una dissertazione sulle posizioni partitocratiche ma sulla tavola della discussione resta la domanda: il TUO comune è o non è troppo piccolo per essere un'entità sostenibile alla luce delle condizioni socio-economiche attuali e future?  

=====================================

MORALE DELLE FAVOLE: Possiamo tracciare un parallelo tra l'uso del casco per chi va in bici e l'esistenza di un comune di meno di 4.000 abitanti con un'unica frazione. 

Casco per bici: sarà mai di uso comune?
Noi e voi, cari lettori, siamo pienamente d'accordo che andare in bici senza casco è notevolmente più pericoloso che andarci CON il casco. Siamo pure certi che se andassimo a guardare le statistiche degli incidenti stradali scopriremmo che i danni cerebrali subiti dai ciclisti sono un numero notevole sulla percentuale del totale degli incidenti che coinvolgono ciclisti con relativi incrementati costi sulla salute personale e sulla Sanità pubblica. Scopriremmo poi, che nelle nazioni dove il casco per i ciclisti è obbligatorio, si muore meno e ci sono mediamente meno danni fisici per i ciclisti coinvolti negli incidenti.

Allora perchè cazzo noi e voi il casco non ce lo mettiamo quando andiamo a pedalare sulla Napoleonica? Risposta: perchè la parte "sostanziale" del problema nulla può se non è marchiata a fuoco da una componente impositiva. 

Possiamo discutere ad libitum delle sbiricude terminologico/lessicali legate al futuro dei piccoli comuni ma fin che dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Merkel (attraverso il governo italiano) non arriva l'ordine di piastrellare i comuni sotto i 10.000 abitanti, neppure di fronte alla sostanza dei dati che mostrano maggiori costi pro-capite, risorse umane inadeguate e maldistribuite (es. troppi impiegati vs pochi operai comunali) e generale povertà di servizi, non cambierà nulla. 

D'altronde l'ultimo che cambiò i comuni qui da noi fu Napoleone nel 1805 ed era un sovrano assoluto che agì d'imperio. 

In attesa dell'atto d'imperio dall'alto, l'unica cosa che può essere fatta, e non è poca cosa, è un'opera di sensibilizzazione trasversale ai colori politici affinchè le popolazioni siano pronte e il più concordi possibile per quando la Merkel affonderà il coltello e si sia pronti a raccomandare aggregazioni con un senso logico. Il rischio è il finire aggregati in fretta e furia con comuni poco affini (es. Varmo) "solo perchè parte del vostro collegio alle elezioni provinciali e visto che abbiamo una fretta teutonica di imporvi le riforme strutturali state lì e zitti". 

Nella sostanza si deve influire sulla questione partendo dal basso, fare massa e cercare poi di influire, per quanto umanamente possibile, sull'imperio che verrà. 

38 commenti:

Anonimo ha detto...

Henry Ford al lancio del leggendario modello T in un frase storica: «Se avessi interpellato il cliente mi avrebbe chiesto un cavallo più veloce».

Anonimo ha detto...

tra un po' i soliti vi daranno il "cagata pazzesca". Sempre gli stessi scommetto!

Anonimo ha detto...

Convinti che l'imperio verrà? PS io concordo che è un comune troppo piccolo

Caspita! ha detto...

Se giudicassimo dal numero di candidati per un posto a consigliere comunale diremmo che invece il comune va bene a tantissimi così com'è! ci sono dai 60 agli 80 candidati nelle comunali!

Anonimo ha detto...

Scusa, o non hanno un cavolo da fare o non han capito il valore di un 2 di coppe.

Anonimo ha detto...

cuant che sot a l'è spade?

Anonimo ha detto...

Invece di giudicare il numero dei candidati, giudichiamo la qualità dei candidati

Anonimo ha detto...

Il ragionamento presuppone che la qualità media sia più alta neli comuni grandi? Non ne sono convinta.

Anonimo ha detto...

Riassumendo: la Lega è favorevole ai comuni più grandi ma segue le direttive di Milano. Il PD locale è favorevole. Il PDL non dice niente. L'UDC non dice niente. I grillini son favorevoli ma qui non han rappresentanti. Le liste civiche son contrarie.

Anonimo ha detto...

Tra astenuti e disillusi la politica raccoglie poi poco! Si e no il 50% degli elettori seguono quello che dicono i partiti e i partiti oggi durano il battere di un ciglio. La gente non segue piu' i leader di partito ma persone legate al territorio che siano rappresentative ed abbiano una storia locale riconosciuta. Se un personaggio di caratura sta dietro all'idea del mettere assieme i comuni la gente ne sara' sensibile.

Anonimo ha detto...

Morale della favolona, tutti possono dire tutto, non serve conoscere niente, viva la democrazia.

Anonimo ha detto...

Ma scusate e' ovvio che chi amministra i piccoli comuni mai si dira' favorevole ad abolire quello che amministrano!!! Sveglia!

Anonimo ha detto...

I comuni grandi fanno gola ai partiti strutturati e vi spiego il perche'. Nei piccoli comuni vincono le liste civiche perche' la gente non si fila i partiti. guardate qui da noi, perche' i partiti non si presentano con le loro liste? Semplice, perche' non se li fila nessuno anche (soprattutto?) perche' conoscono di persona tutti e prima dell'appartenenza politica, e i partiti si sa, sono come radio deejay, ti danno il premio fedeltá (che si chima "militanza") e non il premio bravura. Cosi un cazzone che milita fedelmente per un partito finisce in lista, quello invece bravo che non milita no. In un ocmune di 15mila abitanti fare campagna elettorale costa ed e' chiaro che i partiti sanno dove prendere i soldi e che promesse fare e a chi, in cambio del voto. Le liste civiche avrebbero molta difficolta'.

Anonimo ha detto...

I comuni grandi porterebbero piu' corruzione allora.

CIGL CISL e Uallera ha detto...

E i dipendenti comunali? Siamo mica in america dove verrebbero licenziati dopo le fusioni!

Consiglieri come se piovesse ha detto...

Per amministrare 13.000 persone in 3 comuni qua della zona ci sono 50 consiglieri comunali. Sarebbe come dire che per amministrare 60 milioni di Italiani in parlamento sedessero 230 mila parlamentari...

Non si cambia nulla ha detto...

People resist change. Mi piace. E' vero.

Anonimo ha detto...

Si discute in parlamento di abolire le province ma non mi risulta si parli di macro-comuni, ma si sa che la politica italiana arriva sempre dopo. Dove si possono trovare tabelle comparative con i costi dei comuni piccoli verso quelli grandi? grazie.

Le Province annunciano battaglia alla Regione ha detto...

I presidenti contrari alla chiusura degli enti: «È illegittimo e incostituzionale. Un disegno campato per aria»

Antigone ha detto...

Ovvio! Non puoi mica dire al cappone di anticipare il Natale! I presidenti di provincia si appelleranno sempre alla "legge" costituzionale come amministratori e dipendenti dei piccoli comuni diranno che son cose che devono venire dall'alto. E' ovvio e pure legittimo che sia cosi. Speriamo che dall'alto si attivino davvero e non solo per marketing elettorale per poi non fare nulla come sempre.

Anonimo ha detto...

«Il provvedimento della Regione è illegittimo e incostituzionale: in sostanza un disegno campato in aria, non basato su elementi di valutazione tecnica o economica».

Notato come usano sempre "campato in aria", "manca la conoscenza" "superficiale" "demagogico" "populista" quando non vogliono entrare nella questione ma fare proclami elettorali? Poi scatta la fase cosidetta "fase Santanchiana" in cui si inizia a gridare "vergogna, vergogna, vergogna"

Anonimo ha detto...

Grazie per la segnalazione, questa e' gia' un classico:

"Serracchiani dice di agire così per portare a compimento ciò per cui è stata eletta: anch’io a Gorizia sono stato eletto per difendere le Province, e con 35 mila voti. Lei si è fermata a 28 mila preferenze nel mio territorio".

Anonimo ha detto...

A me piacciono 3 uffici protocollo! Ho una passione per i timbri, tutto sto web e apps mi danno ai nervi. Vuoi mettere l'eleganza el gesto umano e delle corsette i municipio per portar carte. Ne dovremmo istituire di altri.

Razionalizzare ha detto...

Non importa il colore politico di chi governa purche' governi bene e governi un'entita' territoriale efficente. Cosa ce ne facciamo di uffici e ufficetti in ogni angolo? E di depositi materiale e sedi distaccate? Che i conti non tornano non serve farcelo dire da Roma (o da Milano!!!) é una cosa evidente che piú sedi ci sono e piú il sistema costa. Se vogliamo meno tasse in generale, si deve iniziare a risparmiare facendo economie di scala. Serve buon senso prima che arrivi l'Europa a dettare rese senza condizioni!

Anonimo ha detto...

Mior savé pitost che scrivi monadis

Paolo ha detto...

A proposito di federalismo dal basso: io sono in Svezia adesso. I miei colleghi mi hanno detto che la situazione è invertita qui: nord povero sud ricco. Qui funzione che i soldi delle tasse vengono date tutte al comune in cui si vive. Tutti pagano una cifra fissa che viene calcolata sullo stipendio medio regionale. Chi guadagna di più, manda al comune la cifra fissa, il resto lo manda allo stato che poi dirama nei comuni più bisognosi. Credete che copiare questo sistema possa funzionare con noi?

Anonimo ha detto...

In Italia non si cambia mai nulla! Altro che resistere i cambiamenti!

Anonimo ha detto...

e le tangenti?

Anonimo ha detto...

Questa e' una posizione sulla scia del comitato nato a Mortegliano?

Vitellozzo Silverdeschi Vantelli della Calastorta ha detto...

L'elenco dei post inerenti i piccoli comuni inzia nel 2009...: http://dibattitomorsanese.blogspot.it/search?q=4000+abitanti

Anonimo ha detto...

Si ma è una coincidenza troppo forte che questa sia la linea di Zampa e del comitato!!!

Vitellozzo Silverdeschi Vantelli della Calastorta ha detto...

Great minds think alike

Anonimo ha detto...

Realisticamente non si farà nulla per almeno i prossimi 20 anni. Finite le prossime elezioni non si sentirà più parlare di aggregare i comuni di "Semide". Scomettiamo?

Anonimo ha detto...

Non si può cambiare l'assetto amministrativo dall'oggi al domani e anche a livello costituzionale non sarà facile far passare una riforma dei comuni. Tra tutto quello che non funziona in Italia credo che i comuni siano la cosa che funziona di più.

Anonimo ha detto...

Se continuiamo a pensare che non si può cambiare mai nulla allora non si va avanti. Aggregare i comuni e chiudere uffici accorpando mansioni e razionalizzando il personale, non è una cosa dell'altro mondo. Si chiama logica. Il debito pubblico sta crescendo e chiudere l'anno con deficit di governo significa scaricare il deficit sul debito pubblico. Continuiamo così e vedremo dove ci porta il patto di stabilità. Per citare Grillo, verranno gli elicotteri e toccherà fare le riforme di corsa.

Anonimo ha detto...

Vorrei sapere la posizione degli Alfaniani su questa questione.

Anonimo ha detto...

Mi pare sia a 90 gradi...

Bella domanda! ha detto...

il TUO comune è o non è troppo piccolo per essere un'entità sostenibile alla luce delle condizioni socio-economiche attuali e future?

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune