mercoledì 4 febbraio 2015

Davvero non si può togliere la patente ad un alcolista cronico?

Si discuteva oggi in paese di alcolismo e di "drink and drive" come la chiamano gli americani "bere e guidare". Cosa che non si dovrebbe fare soprattutto se non si è solo ecceduto i limiti legati di tasso alcolemico (ad oggi 0.5 g per litro) ma si è completamente devastati dai fumi dell'alcol.

In triste attesa...
In Friuli molti bevono uno spritz, forse due nel bar del loro paese e poi guidano 200-300 metri fino casa. Legalmente non va bene ma il senso comune non condanna per tutta una serie di motivi. Quello che invece riceve una condanna unanime e decisa è il guidare, anche per brevissimi tratti, quando si è completamente ubriachi. 

La discussione di oggi va nello specifico di quando chi è ubriaco lo è per una patologia: l'alcolismo. 

Ci si chiede se un'ipotetica persona. nota per il suo alcolismo, possa legalmente guidare diventando di fatto una bomba ad orologeria di cui tutti sanno ma che nessuno può disinnescare, pur sapendo che prima o poi scoppierà. 

Qualcuno s'è preso lo sfizio di chiedere lumi alle autorità locali le quali alzano le mani e si dichiarano impossibilitate ad impedire la guida agli alcolisti, anche qualora fosse nota la loro attitudine alla guida sotto l'influenza di bevande alcoliche. Anche i Carabinieri della zona danno la stessa versione dei fatti ed almeno che un individuo non sia fermato mentre guida o nel contesto di un incidente stradale e quindi testato, non si può far nulla. (Per inciso, se un alcolista fa un incidente con solo danni alle cose e qualcuno chiama la Forza Pubblica, esperienza insegna che questa declina più o meno esplicitamente l'intervento dando così la possibilità al reo di smaltire la sbornia). 

Davvero senza che ci sia scappato il morto non si può fare nulla? 

Un soggetto epilettico, ogni 6 mesi è sottoposto a controlli medici mentre un alcolista non ha obblighi rispetto al suo possesso di patente di guida? 

Se uno dice sciocchezze al bar o si mette ad urlare nudo in piazza gli arriva il TSO (ordinato dalle autorità locali) con tanto di camicia di forza; se invece guida costantemente ubriaco fradicio il TSO non gli può arrivare?

E su tutto questo si discute.  


PS per inciso, ci saranno sicuramente fini giuristi che ci spiegheranno il perchè e percome nessuno (apparentemente) non può far nulla ma chi ha figli che girano in bicicletta, sapendo che ci son noti pericoli a quattro ruote in giro, ha zero tempo per finezze 

4 commenti:

Anonimo ha detto...

A Rivignano qualche tempo fa il sindaco ha fatto un'ordinanza in cui impediva ai bar di somministrare alcolici ad alcune persone note per problemi di alcolismo.
Inoltre i bar sono passibili di pene molto severe se danno da bere ad una persona manifestamente ubriaca.
L'amministrazione potrebbe vigilare anche su quello.
Ma pare che non si possa fare nulla.
I triestini direbbero "no se pol!"

Speriamo che nell'attesa che qualcuno fermi questi alcolisti non muoia nessuno.

Vitellozzo Silverdeschi Vantelli della Calastorta ha detto...

Neppure a farlo appost, notizia di oggi sul Messaggeroi:

L’Istat: Friuli sul podio per abuso d’alcol
In regione sono i comportamenti a rischio a preoccupare soprattutto tra i più giovani che si dedicano al binge drinking
di Cristian Rigo

http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2015/02/05/news/l-istat-friuli-sul-podio-per-abuso-d-alcol-1.10799465

Anonimo ha detto...

Una lettera da parte di un ufficiale di pubblica sicurezza al prefetto citando "fonti attendibili e sicure". Il prefetto dispone une visita medica coatta. Se si rilevano gli estremi delle dipendenza dall'alcol la patente se ne va.

Anonimo ha detto...

segnalate la cosa a "Le Iene"...

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune