martedì 17 febbraio 2015

Spritz Silence: se dopo la rissa l'immigrato ricoverato in ospedale fa scena muta

Oggi si discuteva su cosa sarebbe giusto fare se  teppisti si scazzottano tra di loro e poi, feriti, vengono trasportati in ospedale. Qui il Servizio Sanitario Nazionale, pagato con le tasse dei morsanesi, fa si che vengano curati senza pagare una lira.

Il problema però, si solleva quando, come recenti fatti di cronaca evidenziano, questi pure si rifiutano di rispondere alle domande delle Forze dell'Ordine.

Il dibattito si è subito sollevato tra:

- chi ritiene che, considerando che sono immigrati e che non lavorano, che non han mai pagato tasse in Italia e quindi l'ospedale non se lo stanno pagando, nel momento in cui si rifiutino di rispondere alle domande degli inquirenti, vadano presi a calci nel culo e buttati fuori in strada.

- e chi ritiene che la civiltà del diritto ci impone di lasciarli in ospedale e curarli anche se non collaborano con gli inquirenti.

...e il dibattito continua

2 commenti:

Anonimo ha detto...

....il fatto poi che avesse precedenti penali è trascurabile...

Anonimo ha detto...

La civiltà del diritto impone che chi non rispetta il diritto va punito. Se poi chi non rispetta il diritto fa parte di un'altra comunità non va solo punito, ma rimandato presso la sua comunità senzxa se e senza ma.

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune