venerdì 22 novembre 2013

Numeri Utili: Commercio (interno) delle Cittá Americane

The Economist, nell'articolo "Metropolitan trade. Open cities. The humming trade between American towns" sottolinea come l'America dipenda molto meno dal commercio internazionale (international trade) che altri stati del mondo. Questo, ovviamente, perché gli USA, nel loro insieme, sono giá un mercato molto grande ed attivo.

Di fatti, dalla somma di import ed export gli USA derivano solo il 25% del PIL mentre, ad esempio, per l'Olanda é il 140% del PIL, il 90% per l'Irlanda, il 58% per l'Italia, il 50% per la Cina e il 45% per la Gran Bretagna.    

La cosa interessante é il commercio tra le diverse cittá americane: nel solo 2010 sono transitate merci per un valore di ben 20.000 miliardi di dollari ($20 trillion) ovvero ben oltre il 100% del PIL nominale americano (nello stesso anno pari a $ 15.000 miliardi). Insomma, il commercio tra cittá americane é attivissimo ed intenso. 

In particolare, gli scambi commerciali delle prime 20 cittá valgono da sole un terzo del totale del commercio interno statunitense. Gli scambi non sono solo in beni di base come petrolio e frumento ma circa il 30% sono transazioni di beni finiti delle industrie avanzate. 

St. Louis e Detroit fanno piú scambi commerciali dell'intera Olanda! 

Nessun commento:

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune