venerdì 9 gennaio 2015

Schiaforiacco: un paese friulano senza un come o un perchè

L'allegoria del paesino friulese è il paesino di Schiaforiacco.


Come tutti sanno, Schiaforiacco è un tipico paesino friulano: un centro paesano che cade a pezzi, la prima periferia inondata da case anni Settanta tirate su alla meno peggio quando la manodopera non costava nulla è si poteva dar sotto a smanie di grandezza sovradimensionando le esigenze abitative costruendo casoni, rigorosamente con doppi vetri in alluminio. Le casette nuove sono in periferia.

La gente per lo più ha titoli di studio bassi non coronati però da una buona cultura (che uno potrebbe anche farsi leggendo ed istruendosi per i fatti suoi). Forse solo un paio di famiglie hanno antenati diplomati fin dagli anni Cinquanta mentre sono occasionali gli antenati laureati. Le famiglie nobiliari locali si sono estinte ma non son state soppiantate da altre famiglie di fuori con pari soldi o pari titoli: anzi, chi viene ad abitare approfitta dei bassi costi delle case perchè Schiaforiacco è la periferia dell'Impero e nessuno verrebbe ad abitarci se proprio non fosse costretto dalla povertà della cassa familiare. Obiettivamente, ad averci i soldi andremmo tutti a vivere in una villa a Moruzzo, e non a Schiaforiacco.  

Si lavora in piccolissime imprese per lo più locali o si scalda qualche poltrona in uffici pubblici per lo più insediati nella capitale provinciale. Le mansioni sono rigorosamente basse, per le quali ci si è preparati nelle scuole locali. Harvard e pure la Bocconi, son nomi che evocano film americani e qui, come si sa, le americanate piacciono solo al cinema.

La gente ama lo Stato quando paga contributi ed elargisce posti pubblici obiettivamente inutili per l'umanità ma detesta lo Stato per tutto il resto. A conti fatti però, tende a credere (nominalmente) nello Stato salvo poi portare i soldi in conti segreti in Austria. Quest'ultima parte della frase vale solo per gli schiaforiacchesi che han fatto un po' di soldi nella vita.  

Quanto a cultura media e pure intelligenza media, si può obiettivamente dire che nessuno è stato assunto per chiamata diretta al CNR, anzi, al CNR non sanno neppure esistano gli schiaforiacchiesi e gli schiaforiacchiesi per lo più non sanno cosa sia il CNR. Di fatto, nella storia di Schiaforiacco, le classi borghesi o comunque gli individui più dotati tendevano a emigrare nella capitale provinciale dove le professioni liberali sono tradizionalmente più fiorenti. Chi rimaneva a Schiaforiacco o essenzialmente troppo stupido per far qualcosa di meglio che il bracciante o il basso manovale o era così povero che non poteva darsi un'istruzione. Così nella storia c'erano gli stupidi, gli incapaci, gli intelligenti ma poverissimi, e un paio di ricchi possidenti. L'intelligenza locale si esprimeva solo attraverso lo sviluppo di piccole imprese artigianali o commerciali, alle volte, ma raramente, attraverso l'espansione agricola. In quei casi si trattava di intelligenza accoppiata ad ignoranza. Da non confondersi con "assenza di titolo di studio" perchè come si sa, la cultura non è necessariamente legata ai titoli. Però c'è gente che non s'informa, non legge, non viaggia, non sa. Insomma, c'è sempre stato il rischio di avere tante capre con tanti soldi in tasca. Solo dal dopoguerra in poi, i (rari) figli dotati prendevano il volo verso altri lidi regionali o extra regionali, andando così a ridurre o comunque a mantenere bassi i livelli medi di intelligenza collettiva.

Se non bastasse, quanto descritto sopra per illustrare i drammi di una comunità di tonti, ci si è messa pure la genetica. A Schiaforiacco tutti sono parenti tra loro perchè fino a pochi decenni fa, ci si spostava raramente fuori zona e quindi ci si accoppiava tra semi consanguinei. Non sono rare le parentele incrociate. La sfiga è che i libri di genetica non indicano che questi incroci favoriscano la nascita di genialità fuori dal comune. Anzi.

La bellezza (e la cura) fisica è generalmente un concetto relativo. Quando pure la bellezza ci sia, il carattere e pure la personalità degli Schiaforiacchesi, non brillano mai per essere particolarmente piacevoli. Permalosi, cupi, chiusi, senza senso dell'umorismo, impacciati nella parola, negativi, tristi, pessimisti, astiosi, incazzosi, mai sorridenti, serissimi, sarcastici. Chi viene da fuori regione (ad esempio gli studenti universitari che frequentano gli Schiaforiacchiesi) non esistano a dire cose tipo "adesso capisco perchè ci son così tanti alcolizzati da queste parti". Si sbagliano, ci son anche livelli alti d'abuso di farmaci e droghe.

Insomma, un tipico paesino brutto, inutile ed insignificante che, a differenza della Panda, se non ci fosse sarebbe meglio non inventarlo.

Però esiste e quantomeno, ci tiene compagnia più di un Dylan Dog perchè è pieno di mostri. Veri.

Nessun commento:

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune