giovedì 11 novembre 2010

Dipendenza da Gioco: un problema anche morsanese?

Si legge sempre piú sui giornali del fenomeno nascente della "dipendenza da gioco" che pare si chiami "ludopatia" (Corriere della Sera: Dipendenza da gioco, donne più a rischio).

Capita sempre piú spesso di vedere persone passare ore ed ore ipnotizzate davanti ad una machinetta da gioco o assieparsi alle ricevitorie di ogni ordine e grado. Ormai non si nota piú di tanto vista l'abitudine alla scena che il nostro occhio s'é fatto ma riflettendo su quanto si legge un pensierino al mondo del "gioco" vale la pena farlo.

A spanne, nei nostri paesi, il gioco si articola lungo queste direttrici:

In zona:
  • machinette (videopoker)
  • gratta e vinci, lotterie nazionali, lotto, enalotto ed affini
  • schedine del totocalcio ed affini
Fuori zona:
  • scommesse ai cavalli presso locali autorizzati
  • poker on-line
  • Casinó in Slovenia/Austria
Chiaramente ognuna di queste categorie ha le sue dinamiche e sottintende livelli di spesa (e perdita) diversi. Di famiglie friulane che si sono rovinate ai Casinó nelle due nazioni vicine, ogni tanto si sente qualche storia. Di storie legate a poker on-line si sente molto meno, forse perché la penetrazione di internet tra le persone che tipicamente giocano nelle nostre zone é relativamente bassa. Peró le antenne sono alzate perché internet sta penetrando sempre piú e l'etá media dell'utente si sta alzando rapidamente.

Quello che desta piú preoccupazione sono gli stili di gioco, che possono diventare patologia comportamentale e quindi dipendenza, legati sia alle machinette che ai vari gratta e vinci.

Si vocifera di persone che perdano grosse quantitá di denaro giocando o che comunque brucino buona parte delle loro entrate. Senza contare la dipendeza psicologica da gioco che, sottovoce, si addita verso questo o quel signore e in maniera sempre piú crescente, verso questa o quella signora.

Non molto lontano da noi a Campoformido, esiste un'iniziativa operativa giá dal 2000, per aiutare le persone colpite da dipendenza da gioco d'azzardo. Si chiama A.GIT.A., Associazione degli ex Giocatori d'Azzardo e delle loro famiglie. Fa pensare che esista un'organizzazione del genere cosí vicino al nostro territorio e che nel contempo da noi nessuno parli dei rischi del gioco.

O il problema non esiste, e quindi non serve fare nulla o é ben nascosto...

1 commento:

Anonimo ha detto...

il gioco è triste

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune