lunedì 7 giugno 2010

Numeri Utili: INPS e Pensioni

Nel 2009 l’INPS ha avuto un avanzo di 7.9 miliardi di euro.

L’Inps nel 2009 ha avuto uscite pari a 268.6 miliardi. Le entrate contributive sono state pari a 148.5 miliardi. Il resto sono trasferimenti dal bilancio dello Stato per 83 miliardi. Il risultato resta quindi in rosso per 83 miliardi togliendo ai quali i 7.9 miliardi di avanzo si arriva ad un deficit dell’INPS di 75 miliardi.

Per inciso, se il PIL Italiano è di circa 1.764 miliardi di Euro (2.113 miliardi di dollari – fonte Global Insight - 15 Maggio 2010), una spesa per le pensioni di 268.6 miliardi, rappresenta circa il 15.2% del PIL. Questa cifra include le spese per gli ammortizzatori sociali (passata dai 6,3 miliardi del 2008 a 9,9 miliardi nel 2009) che sono circa il 4% della spesa totale dell’INPS (cioè 9.9 su 268.6). [maggiori dettagli su Daily Blog e su OsservatorioInca]

Fa specie che la spesa per le pensioni pesi per una parte cosí consistente del PIL, per inciso, uno dei livelli più alti dei paesi OCSE.

Se il dato è poi rapportato alla spesa pubblica (le spese del governo) in Italia la spesa pensionistica assorbe circa il 30% della spesa pubblica contro una media dei paesi Osce pari al 16%. [maggiori dettagli su LibertàdiScelta]

Da ricordare che la spesa globale per prestazioni di invalidità civile nel tempo, tra il 2002 e il 2009, è aumentata del 47%, ovvero di oltre 5 miliardi di Euro arrivando a 16 miliardi nel 2009. Circa l’1% del PIL. [maggiori dettagli Sole24Ore]

Il dato-bar (cioè il dato che fa più impressione quando proferito in osteria) è che la spesa per pensioni in Italia incide per il 15% del PIL mentre negli Stati Uniti solo il 5.7%. [vedi Wikipedia]

Vediamo poi quanto percepiscono i 16.8 milioni di pensionati italiani (53% donne – 47% uomini) secondo quanto dice l’ISTAT:
8.5 milioni (50.5% del totale) percepisce più di 1.000 euro al mese (da singola pensione o più pensioni cumulate)
8.3 milioni (il 49.4% del totale) guadagnano meno di 1.000 euro al mese di cui 4,7 milioni (il 27,7%) ricevono assegni compresi tra i 500 e i 1.000 euro e circa 3,6 milioni (21,4%) ricevono meno di 500 euro al mese

Il 71.9% delle pensioni erogate sono per cifre sotto i 1.000 Euro. Peró circa c’è chi riceve più di un assegno per cui riesce a oltrepassare i 1.000 euro mensili.

Classi d’etá dei pensionati italiani (2008):
circa 11.7 milioni (69.9%) ha più di 64 anni
circa 4.5 milioni (26,4%) ha tra i 40 e i 64 anni
circa 620 mila (3,7%) hanno meno di 40 anni

Le donne guadagnano in media il 30.5% in meno di pensione rispetto ai maschi.

Pensione per categoria:
- 70% vecchiaia
- 14.9% superstiti
- 5.9% invaliditá civile
- 5.0% invaliditá

1 commento:

Vitellozzo Silverdeschi Vantelli della Calastorta ha detto...

Nel 2013, le #pensioni di #reversibilità superstiti sono state incassate da 4 milioni 813mila soggetti per l'ammontare di 40 miliardi

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune