sabato 28 giugno 2014

Basta Immigrazione! (o no?)


L'Inghilterra è inondata da giovani italiani in buona parte laureati. Nel 2012 la Gran Bretagna ha superato il Belgio quanto a numero di residenti italiani con la differenza che mentre in Belgio si andava a fare i minatori e si aveva la quinta elementare, da diversi anni si va a Londra a fare i professionisti e con una laurea in tasca. Naturalmente non mancano i camerieri, baristi e lavoratori generici.

Ogni mese il consolato italiano di Londra conta fino a 800 iscrizioni all'AIRE (il registro degli Italiani residenti all'estero) e comunque il numero complessivo di italiani emigrati in Gran Bretagna nel solo 2013 è stato di oltre 13.000 trasferimenti. E questi sono i numeri ufficiali, poi ci sono quelli che son finti turisti e si fermano lì a cercar lavoro.  La Germania segue con 11.600 italiani emigrati là nel 2013.

In totale, nel 2013 sono espatriati ben 126mila italiani contro i 106mila del 2012. Per contro, l'immigrazione verso l'Italia è calata ai 307mila arrivi del 2013 dai 350mila del 2012.

D'altronde in Italia solo il 16% di chi ha studiato ha fatto un salto di qualità sociale rispetto alla famiglia (fonte Censis). Indicatori indiretti di immobilità sociale fortemente radicata che rende abbastanza ironico il fatto di andar a cercare meritocrazia nel paese dopo il principe Carlo, e tutto l'ambaradan, sono lì per puro diritto di nascita.

Ma come la prenderanno gli inglesi ad essere invasi dai barconi pieni di migranti italiani abbandonati dagli scafisti low cost a Stansted?

Beh, lo UKIP (partito indipendentista britannico), il partito del leader carismatico Nigel Farage  ha raccolto il 27% alle recenti elezioni europee. Qui sopra un volantino elettorale recapitato in una casa a Londra. Recita più o meno così:

"4.000 cittadini dell'Unione Europea vengono a vivere in Gran Bretagna ogni settimana. Non possiamo fermarli alla frontiera perchè sono cittadini europei, ci fregano lavoro e abbassano i nostri salari, mettono sotto pressione il sistema sanitario nazionale e i servizi pubblici".

Manca solo un "gli Italiani portano l'ebola" e poi il cerchio si chiuderebbe.

=========

Vedi
"Il Giornale: Ecco perché Farage sbaglia ad allearsi con il razzista Grillo"

La nazionale Svizzera come apparirebbe senza giocatori di origine estera 

5 commenti:

US high school grads ha detto...

Share of 2013 US high school grads enrolled in college
Overall 66%
Asian 79%
White 67%
Hispanic 60%
Black 59%

http://www.bls.gov/news.release/hsgec.nr0.htm

scappoallestero.com ha detto...

8 cose che cambiano per sempre quando vivi all’estero http://scappoallestero.com/1526/8-cose-cambiano-per-sempre-quando-vivi-allestero/

Anonimo ha detto...

Ma va la. In Inghilterra la maggior parte degli italiani vanno a fare lavori che in Italia non si sognerebbero mai di fare: camerieri, lavapiatti, assistenza agli anziani...Perchè questo? Per una specie di "bovarismo" provinciale che solo dei poveretti mentalmente frustrati hanno. Fa "figo" andare a lavorare a Londra, vuoi mettere, quando ritornano al paesello, dire che "lavorano a Londra" con accento british.

Anonimo ha detto...

Da Morsano a Londra attualmente sono in 3 e son tutti e tre laureati

Anonimo ha detto...

"Per una specie di "bovarismo" provinciale che solo dei poveretti mentalmente frustrati hanno"

Penso che sapere l'inglese aiuti a vivere meglio nel mondo del 2014. Farsi un'esperienza all'estero per imparare la lingua sia più tonificante che fare la stagione a Lignano (sebbene pure quest'ultima sia un'esperienza positiva).

Poi dipende se in patria il lavoro te lo frega l'amante del politico di turno o il raccomandato di ferro o il figlio di papà. Non mi pare che l'ascensore sociale funzioni molto da ste parti.

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune