giovedì 21 ottobre 2010

Idea Morsanica: Centro Sportivo (a partire dal Campetto di Calcetto Coperto)

E' vicino alla Napoleonica quindi comodo arrivarci da fuori paese, é a sud della Napoleonica per cui chi ci deve arrivare dal centro del paese non deve correre rischi nell'attraversare, ci sono terreni a volonta' per futura espansione.

Il campo sportivo "Dino Turello" di Morsano di Strada si presta a idee.

L'approccio settario che noi friuliani abbiamo ci impedisce di pensare in grande: ovviamente ogni comune deve avere la sua zona industriale ed artigianale, ovviamente ogni paesello deve avere il suo campo di calcio (ovviamente ad uso di 11 giocatori e basta), ovviamente ogni comune deve avere la sua palestra, ovviamente ogni comune deve avere il suo teatro e via dicendo. A creare una zona industriale/artigianale condivisa da piú comuni non c'avevano pensato, di fare una palestra bella, grande, multi-funzione e con piú campetti e spalti che serva le esigenze di piú comuni, figuriamoci. Ci sono ragioni di opportunitá-politico-amministrativa-socio-identitaria-burocratico-fiscale-rurale-clientelare-etc-etc che chiunque abbia poco buon senso intuirá al volo.
Con queste debite premesse, s'é visto che all'asta giudiziaria c'é una tensiostruttura semirigida per la copertura di campi da gioco, in vendita (prezzo base €15.000 ) piú vari tappeti di erba sintetica per due campi da calcio a cinque regolari (€1.000).

In un mondo ideale, sarebbe interessante poterlo acquistare e posare nella zona del campo sportivo di Morsano. Creare un paio di campetti di calcetto all'aperto e ovviamente uno all'interno della tensiostruttura.

Se ne farebbe un Centro Sportivo per il bacino utenti Gonars-paese vicino-Chiasiellis-Gris. Il calcetto tira e quindi lo si potrebbe affittare a squadre della zona. Poi, visto che c'e' la struttura, probabile che si formerebbero altre squadre e il centro inizierebbe a girare molto bene. Poi da cosa nasce cosa e puoi metterci vicino altri campetti per altri sport.

Di centri del genere ne esistono molti in giro per l'Italia (es. a Torre Boldone (BG) e ovviamente in giro per il mondo), funzionano, sono collaudati e non si sta inventando nulla.  

Fosse questo un centro comunale o gestito da privati, sarebbe comunque un bel gol per tutti.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Giovanni, ce balissss

Anonimo ha detto...

calcio calcio e sempre calcio... sembra che i friulani e più in generale gli italiani non sappiano pensare ad altro quando si parla di sport... con tante mancanze che ha il nostro paese creare campetti da calcio lo trovo solo uno spreco, piuttosto meglio i campi di grano!

Anonimo ha detto...

il calcetto non e' semplice calcio. E' un'attivita' sportiva di natura ricreativa per i 30-40 enni. Aiuta a mantenersi in forma e quindi a stare in salute e avere meno rischi di incorrere nelle cure dell'ASL (che tutti paghiamo). I campetti di calcetto possono essere facilmente utilizzati per altri sport. Se hanno base in cemento possono diventare campetti di pallamano, basket e pure pallavolo. Di certo e' che il calcetto adesso fa girare entrate che possono essere utilizzate per poi rinforzare il centro sportivo con campetti per altri sport. Se lasci campi di grano, costringi tanta gente a prendere la macchina ed andare a giocare fuori zona. A Morsano esiste una squadra di calcetto e giocano fuori paese perche' qui non ci sono strutture. La scelta "meglio lasciare campi di grano" e' una scelta arrendevole. Sei a corto di idee?

Roe Boe ha detto...

Ci sono agricoltori ottusi e agricoltori illuminati. Quelli ottusi continuano a piantare quello che gli dicono di piantare (mais e soia a seconda dei periodi) e difficilmente esperimentano nuove culture o nuovi metodi. Possibile che le mele le dabbano piantare gli alto atesini. In casa nostra? Ma non siamo capaci di mettere mele? Dime blaaaaveee (orco boe!). Poi gli agricoltori illuminati ci provano: aziende che fanno anche giardinaggio e pulizia strade, colture di ortaggi, e, usi alternativi dei terreni. Un campetto o due per un centro sportivo lo si puop' anche ipotizzare. poi con gli affitti del calcetto potrebbero fare altri investimenti.

Anonimo ha detto...

idea troppo innovativa per questo posto. Occhio che potrebbero farla a Gonars. A Castions mai!

Pamela ha detto...

Un centro per lo sport a Morsano sarebbe una cosa davvero grandiosa.
Potrebbe anche pensarci un privato, e d'accordo con il comune gestire a favore di tutte le associazioni.
Io credo che sarebbe la soluzione migliore, se ad interessarsi fosse non il pubblico.
Motivo?
Be perchè un imprenditore pensa al profitto, più che al vantaggio di pochi.
Potrebbe sembrare una cosa sfavorevole, ma non lo è necessariamente.
In genere, in campo pubblico vince la logica della supremazia delle conoscenze.
Quindi, se un rappresentante di una associazione sportiva ben vota, ecco che si ritroverà a gestire e comandare lui solo la struttura pubblica.
Un privato invece, d'accordo con il Comune che sovvenziona una parte del progetto, o comunque promette una utility tale da rendere del tutto ininfluente chi usufruisce della struttura stessa, la vede diversamente.
Così, tutte le società potrebbero essere in grado, con un adeguato piano di interesse, di usufruire dei servizi.
Così si sgrava di incombenze e di oneri il pubblico, e si dà un incentivo al privato, che ha tutto l'interesse a far fruttare la cosa.
Che figata, Morsano a mio parere avrebbe tutte le carte in regole per diventare una capitale del "bon fare.."

Perchè non chiedete a qualcuno dei vostri rappresentanti nel parlamento di portare avanti l'istanza della riqualificazione sportiva morsanica?

Calciatore ha detto...

i terreni attorno al campo di calcio dovrebbero essere riqualificati in "terreni ad interesse sprotivo" come avevano in piano di fare con i campi attorno alla pista di Lavariano per costruire l'autodromo. Il contadino che vende venderebbe ad un prezzo maggiore che venderlo agricolo. Poi un privato dovrebbe prendere l'area, presentare un progetto e installare i campetti e gli spogliatoi. Con convenzioni di varia natura dovrebbe garantire la piena utilizzazione dei campetti sia all'aperto che quelli coperti. Sarebbe un volano per il paese.

Nandobar ha detto...

l'idea non e' male. Ma non credo ci siano imprenditori a Morsano o dintorni pronti a fare qualcosa del genere. Hanno costruito un capannone (o stanno per costruirlo) a fine via Percoto. Sara' un capannone a uso agricolo ma il fatto che si stia costruendo lascia intuire che l';area in pochi anni potrebbe avere uno sviluppo oltre "la blave". Piuttosto che avere capannoni aziendali meglio un centro sportivo. Spero che qualcuno ci mediti su.

Anonimo ha detto...

baah! fossi nel condadino che ha il campo la' vicino lo farei io il campetto di calcetto. Se lo affiti a 20 euro all'ora e funziona anche sole 3 ore al giorno sono oltre10.000 euro all'anno. Ti paghi le spese e ci guadagni pure.

Anonimo ha detto...

ma esiste un passo intermedio tra campo agricolo e campo edificabile? cioe' il campo a destinazione sportiva??? Non sapevo. E' vero????

Anonimo ha detto...

Anche Romans avrà il suo skatepark - Uno spazio culturale e ricreativo attrezzato per la pratica dello skateboard.

Skate Park a Romans ha detto...

Nel centro sportivo ci mettiamo anche lo skate park?

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune