sabato 11 dicembre 2010

Rifiuti di Napoli nelle discariche del Friuli. Il bar s'interroga sul contenuto dei cassoni.

Sulla bolla dice "rifiuti generici non tossici"...
Zero entusiasmo tra gli avventori dell'osteria qualche giorno fa quando il presidente del FVG Tondo ha confermato la disponibilitá politica a ricevere i rifiuti campani per aiutare a superare l'emergenza immondizia (Tondo: sì ai rifiuti dalla Campania, ma la Lega si ribella e dà battaglia).

Sebbene la discussione in bar cada subito sulle nostre discariche giá al limite (Messaggero Veneto del 1 febbraio 2009: "Emergenza rifiuti in Fvg: le discariche al collasso") il fastidio é un altro.
 
Pochi in bar hanno letto il capitolo sulla "Terra dei fuochi" in "Gomorra" di Saviano o guardano gli interventi dell'autore campano in tivvú, peró tutti, con il solo intuito, sono arrivati alle stesse conclusioni cui Saviano é arrivato con la diretta conoscenza del caso: chi controlla cosa finisce realmente nei camion della monezza di Napoli?
Ogni passo avanti per questa ruspa friulana é
un passo indietro alle prossime elezioni  

Se le organizzazioni criminali hanno usato (usano?) le discariche per sversare rifiuti tossici (Dove sono finiti i rifiuti tossici della Campania?), e se nessuno, vuoi per mancanza di personale, vuoi per minacce, vuoi per corruzione, controlla camion per camion cosa viene sversato, chi vigilerá sui camion che arriveranno nelle discariche del Friuli? Se questi camion arrivano con una bolla di accompagnamento che dice "rifiuto generico" ed invece nel cassone del camion qualcuno c'ha messo tetrabromobisfenolo, cromo esavalente, bifenili polibrominati o perfino il radioattivo americio, come facciamo a saperlo?

Visto ció che ha impestato il paesaggio della Campania é stato anche il trucco di falsificare le bolle di trasporto e l'assenza di controlli sul reale contenuto dei camion, chi garantisce ai friulani e giuliani che i camion che arrivano non abbiano porcherie tossiche al loro interno? Che piani ci sono per controllare i camion? Per controllare le bolle basta nostra nonna in cariola ma il "reale" contenuto dei caminon chi lo controlla? Sono previsti dei piani in merito?

Il bar si fa queste domande perché ci sono discariche a pochi chilometri da qui ed eventuali effetti negativi sulla salute si sentirebbero pure qua.

Ognuno ha le sue opinioni sulla legittimitá o meno di aiutare (o di... "dare la disponibilitá politica ad aiutare") le regioni che non sanno gestirsi da sole ma prendersi un accidente perché, di fronte a sospetti piú che legittimi, non si sono predisposti controlli adeguati, sarebbe a dir poco da fessi.

Il bar é in subbuglio.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

-secondo voi le altre regioni devono prendersi i rifiuti campani??...a mio parere NO...perchè mi spiace ma se si è accondiscendenti la situazione non si risolve più...e poi perchè mai la spazzatura altrui deve venire da me o andare su???
- se è vero che la campania ha accolto i rifiuti tossici del Nord sarà anche colpa della regione stessa che ha deliberato questa decisione???

Elenco di sostanze tossiche e rispettivo effetto ha detto...

L’esposizione cronica all’arsenico può causare varie malattie della pelle e ridurre la velocità di
conduzione nervosa.

Le discariche erano l'emblema più concreto d'ogni ciclo economico ha detto...

Dal nord i rifiuti trattati negli impianti di Milano, Pavia e Pisa venivano spediti in Campania. La Procura di Napoli e quella di Santa Maria Capua Vetere hanno scoperto nel gennaio 2003, grazie alle indagini coordinate dal pubblico ministero Donato Ceglie, che in quaranta giorni oltre seimilacinquecento tonnellate di rifiuti dalla Lombardia sono giunte a Trentola Ducenta, vicino a Caserta

Anonimo ha detto...

Leggi qua: http://www.perledonne.info/matrimonio.htm

farete un post su questo tema?

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune