martedì 5 aprile 2011

Friûl: viaç te storie






2 commenti:

Jaio Furlanâr ha detto...

No sai parcé ma come simpri, al bisugne dî ai furlans che son mones par sintiju dî alc e mostrâ che a son inmó vîfs.Cualchidun al puedarès distès dî che chescj filmuts a son avonde ben fats e didaticamentri interessants, sêti pe vie de storie che nus é spiegade in tune maniere semplic, che par vie de lenghe che a pues siervî come esempli a di chei che a crodin che a é cence valôr tant che a son abituâts a pensâ dome par talian.
Ok, le nestre storie se a é siore di aveniments no nus ispire masse par sburtânus a vê une fierece esagjerade parcé che ducj i personagjos plui cognossûts de nestre ex patrie, a son simpri stâts forescj ma amancul si puedarès dî ch'i vin inmó une identitât e che no vin di vê pôre di mostrâ ce che a si é.

Vitellozzo Silverdeschi Vantelli della Calastorta ha detto...

Su un sito in inglese ho trovato questa descrizione sulle fasi iniziali della prima guerra mondiale:

The liberation and annexation of those Austrian territories (inhabited not only by Italians, but also by ethnic Germans, South Slavs and Friulians) became the main Italian war goal, assuming a similar function as the issue of Alsace-Lorraine had for the French.

Notasy che cita diverse nazionalitá: Italiani, tedeschi, Sloveni e ...Friulani! Insomma, per chi vive fuori dall'Italia i Friulani sono un popolo a se stante. Interessante no?

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune