giovedì 7 aprile 2011

Il "Nicchiagate" ovvero il "Rubygate" del 1800: la Contessa di Castiglione, vulva d'oro del Risorgimento

Si parlava di storia in bar quando un nordista, di ritorno da un incontro di partito, ha sollevato la questione del Rubygate dell'800: la cugina di Cavour che divenne amante dell'Imperatore di Francia, Napoleone III alla tenera etá di 19 anni. Per qualche ragione a quelle riunioni menzionano spesso la storia della contessa che si vantó piú volte di "aver fatto l'Italia".

Al che la discussione si é subito scatenata sui paralleri tra la questione delle avventure sessuali della giovanissima contessina classe 1837 con l'imperatore classe 1808 (29 anni di differenza) e quello che si legge sui giornali ai giorni nostri.

La contessa Virginia di Castiglione (detta "Nicchia") fu spedita a Parigi in missione "di persuasione" dal cugino, il conte Camillo Benso di Cavour, per ingraziarsi Napoleone III e favorire la causa dell'espansione di casa Savoia nel resto d'Italia, generalmente indicata come Unitá d'Italia. 

Gli incontri della contessa di Castiglione con Napoleone III.sembra siano avvenuti tra il 1856 e 1857 (quando aveva 19 e 20 anni),  avvenivano regolarmente due o tre pomeriggi alla settimana. Le cronache del tempo ci dicono come Virginia si vantava di non avere mai indossato due volte lo stesso abito e ne aveva a centinaia. L'imperatore s'intratteneva con lei parlando dei problemi dell'Italia, intanto si deliziavano con piatti raffinati.

La questione é che le cose sono sempre uguali e gli imperatori di allora e quelli di oggi, apprezzano la compagnia di ragazze avvenenti e molto giovani.

Cosí ha sentenziato il bar.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Nicchia, più che aver fatto l'Italia, s'è fatta l'Italia!

Post più popolari di sempre

Post Più Popolari negli Ultimi 30 giorni

Post più popolari questa settimana

Seguici via email

Debito Pubblico

Spread BTP-BUND

Prezzo dell'Oro

Statistiche del Comune